The Ladybug’s last addiction: the 50s straw bag

The Ladybug Chronicles Straw Bag (2)

When I received this wonderful 50s vintage straw bag, bought from Frida Vintage on Vintag, I couldn’t wait to wear it! The first occasion was a Saturday lunch with my friends in Milan where I showed off my new amazing bag with a certain pride! It is really an amazing piece!

During our lunch and shopping session in Porta Venezia area I received so many compliments and people asking for it (and for my Madame Ilary turban) that I spent most of my time telling people where I found the bag and the turban, what is Vintag and where my friend has her show room in Milan!

A part from that, we tried an Eritrean restaurant called Warsà (honestly one of the best Eritrean restaurants I’ve ever tried and you know that I tried a lot around the world!) followed by a shopping session at the Bivio (second hand store) and at I love Vintage in the best company ever: could I ask for more?

The Ladybug Chronicles Straw Bag (4)

The Ladybug Chronicles Straw Bag (8)

The Ladybug Chronicles Straw Bag (1)

For my relaxing Saturday I wore a thrifted Sonic Youth tee from a London charity shop (I can’t remember which one), Fontana Design black culottes at Archivio Vintage, as well as my Casta & Dolly wooden clogsand one of the vintage denim jackets from my collection with Madame Ilary.

As you know my vintage beloved bag is from Frida Vintage on Vintag and my beautiful turban is from Madame Ilary. Loop earrings are from Mango.

The Ladybug Chronicles Straw Bag (6)

The Ladybug Chronicles Straw Bag (7)

The Ladybug Chronicles Straw Bag (5)

The Ladybug Chronicles Straw Bag (3)

Advertisements

The Ladybug & Madame Ilary (finalmente insieme!) su Vintag!

The Ladybug Chronicles Madame Ilary Vintag (11)

IT: Cosa c’è di nuovo su Vintag questo mese? Io e Madame Ilary! Beh da sole ci siamo da un po’ ormai, io con il mio spazio vintage theladybugchronicles, Madame Ilary con i suoi turbanti in stile vintage ispirati alle dive degli anni 30 e 40 (user: madameilary). La vera novità è che ci siamo insieme!

Qualche mese fa, chiacchierando nel suo showroom a Milano abbiamo avuto l’idea di creare qualcosa insieme, qualcosa che mettesse insieme le nostre passioni: il vintage, la moda, i viaggi, la sartoria, i tessuti wax africani e le decorazioni etniche e vintage. Davanti a un bicchiere di vino e a un pacchetto di taralli pugliesi è nata la nostra nuova collezione (sì, lo so, non è molto romantico ma è la verità!): una capsule collection di giubbini e gilet rigorosamente vintage (che siamo andate a scovare personalmente!) dal taglio un po’ oversize con modelli della fine degli anni 70  e degli anni 80 che abbiamo voluto decorare a mano con tessuti wax africani (alcuni recuperati personalmente in Senegal durante il mio ultimo viaggio la scorsa estate) e con passamanerie etniche e vintage (scelte da Madame Ilary o recuperate dal suo vastissimo repertorio personale ricco di meraviglie d’altri tempi!).

Il denim ricamato è ormai un classico ma volevamo dargli un appeal diverso, che ci rappresentasse e al tempo stesso portasse una ventata di novità. Accostare decorazioni e passamanerie vintage ai coloratissimi wax africani è stata sicuramente la nostra idea più azzardata ma riuscitissima!

Eravamo un po’ titubanti all’inizio: certo l’investimento non era esorbitante (un po’ di più in termini di tempo ed energie) e siamo partite con sei pezzi (quattro giubbini e due gilet) per vedere che effetto facessero.  Abbiamo presentato la nostra collezione durante il Fuorisalone milanese nello showroom di Madame Ilary a Milano e abbiamo messo i pezzi in vendita su Vintag, pubblicizzandoli un po’ anche sui nostri canali social. Vorrei farveli “conoscere” uno ad uno, perché ognuno di loro porta con sé un pezzo di storia, di un viaggio, di un ricordo.

Il primo pezzo che abbiamo creato è stato questo bellissimo gilet in denim scuro fine anni 70 (già di per sé ormai abbastanza difficile da trovare) che abbiamo decorato con un tessuto wax acquistato in Senegal e con passamanerie dorate che potete trovare anche su alcuni turbanti di Madame Ilary. Qui è indossato con turbante di paillettes (in vendita su Vintag) e gonna in shantung di seta sempre creati da Ilaria.

The Ladybug Chronicles Madame Ilary Vintag (1)

Il secondo pezzo è invece un giubbino di jeans vintage anni 80 decorato con passamanerie dorate (tanto care a Ilaria!) e con un tessuto wax colorato che mi è stato regalato in Senegal e con cui Ilaria ha creato anche un bellissimo turbante che praticamente ho tenuto in testa per tre giorni consecutivi mentre ero a Barcellona. Con questo stesso tessuto abbiamo anche creato il giubbino che vedete nella foto sotto, in questo caso mixando il wax africano con le passamanerie indiane (regalatami da un’amica dopo un bellissimo viaggio in India e anche queste utilizzate per il bellissimo turbante di cui sopra!), sempre su un giubbino vintage originale degli anni 80. Anche in queste foto indosso gonna-pantalone, gonna lunga e turbanti creati da Madame Ilary.

The Ladybug Chronicles Madame Ilary Vintag (4)

The Ladybug Chronicles Madame Ilary Vintag (7)

Rimanendo in tema di passamanerie indiane, anch’esse cortesemente offerte da Federica che le ha comprate per me in India qualche mese fa, abbiamo realizzato un secondo gilet vintage (fine anni 70, inizi anni 80) con coloratissimi pon pon dal gusto etnico (pantaloni culottes e maxi turbante Madame Ilary).

The Ladybug Chronicles Madame Ilary Vintag (10)

Un po’ meno oversize, bellissimo lavaggio e sempre rigorosamente vintage è questo pezzo della collezione che abbiamo decorato con un tessuto wax africano che adoro (anche questo acquistato in Senegal con le mie manine!) abbinandolo con borchiette argentate e una passamaneria sfrangiata che ci è sembrata perfetta per questo modello!

The Ladybug Chronicles Madame Ilary Vintag (5)

Infine, abbiamo deciso di aggiungere un pezzo in denim vintage bianco, un po’ più difficile da trovare ma sicuramente d’effetto poiché ci abbiamo cucito sopra un wax africano fuxia e giallo (una bomba, regalatomi da amici senegalesi di ritorno da un loro viaggio a casa) e delle passamanerie in legno colorate in tinta così come i nostri adorati pon pon.

The Ladybug Chronicles Madame Ilary Vintag (12)

Con nostra grande soddisfazione questi pezzi hanno avuto un grande successo tanto che ne rimangono in vendita solo due (li trovate sul mio spazio theladybugchronicles su Vintag) e abbiamo ricevuto diverse richieste per crearne ulteriori su misura con colori e fantasie personalizzate per cui…continuate a seguirci su Vintag o contattateci tramite i messaggi privati dell’app se anche voi ne volete uno su misura!

 

EN: What’s new on Vintag this month? Madame Ilary and I! I mean, we have been there for a while now, personally with my vintage space theladybugchronicles, Madame Ilary with her beautiful turbans inspired by the 30s and 40s divas (user: madameilary). The big news is that we are there together!

A few months ago, we were chatting in her showroom in Milan and we had the idea of creating something together, something that would put together our biggest passions: vintage, fashion, travels, couture, African wax and vintage and ethnic decorations. This is how our collection was born, while drinking wine and eating biscuits (I know, it’s not very romantic but it’s how it really happened!): a capsule collection of vintage denim jackets and vests (that we selected personally) with a kind of oversized flare, from the end of the 70s and the 80s, that we decorated by hand with African wax fabrics (mostly bought during my trip to Senegal last summer) and with ethnic and vintage trimmings (selected by Madame Ilary or found in her huge personal archive full of timeless wonders!).

Decorated denim is now a classic but we wanted to give it a different twist, that would represent us but that could bring something new to the table. Mixing vintage trimmings and super colored African fabrics was a bit risky but it was a success!

We were a bit reluctant at the beginning: the investment was not too big (maybe a bit in terms of time and energy) and we decided to start with six pieces (four jackets and two vests) to see how it could go. We presented our first collection during the Design Week events in Milan in Madame Ilary showroom and we put our pieces on sale on Vintag, sharing them also on our social media. I would love to introduce each one of them to you because they all have a story, a memory, a travel to tell.

The first piece that we created is this beautiful dark denim vest from the end of the 70s (quite hard to find) that we decorated with a wax fabric that I personally bought in Senegal and with golden trimmings that you can also find on some Madame Ilary turbans. Here I wore it with sequined turban (on sale on Vintag) and silk skirt created by Ilaria.

The Ladybug Chronicles Madame Ilary Vintag (2)

The second piece is a vintage 80s denim jacket decorated with golden trims (so loved by Ilaria!) and a colored wax fabric that I received as a present in Senegal. With this same fabric Ilaria created a wonderful turban that I wore basically everyday while on holiday in Barcelona! With this same wax fabric we created also the denim jacket in the picture below, but in this case we mixed African wax and Indian trims (a present from a friend of mine on holiday in India that we also use for the above-mentioned turban!) on a vintage 80s jacket. In these pictures I wear culottes, long skirt and turbans from Madame Ilary.

The Ladybug Chronicles Madame Ilary Vintag (3)

The Ladybug Chronicles Madame Ilary Vintag (8)

Speaking of Indian trims (courtesy of Federica who bought them for me in India a few months ago!) we created another vintage vest – end of the 70s, beginning of the 80s – with colored pompom with an ethnic feel (culottes and maxi turban Madame Ilary).

The Ladybug Chronicles Madame Ilary Vintag (9)

A bit less oversize, with a beautiful wash and rigorously vintage, this piece was decorated with an African wax fabric that I love (personally bought in Senegal!) and paired with little silver studs and fringes that we found perfect for this mix!

The Ladybug Chronicles Madame Ilary Vintag (6)

Last but not least we decided to add a vintage white denim piece, a bit hard to find but with a great effect because we decorated it with an African fuchsia and yellow wax (a great fabric, a present from Senegalese friends) and wooden colored pearls and pompoms.

The Ladybug Chronicles Madame Ilary Vintag (12)

With our greatest satisfaction this collection was a success and only two pieces are still on sale (you can find them on Vintag in my space theladybugchronicles) and we received a lot of requests for creating customized ones with specific colors and decorations so…keep following us on Vintag or contact us through private message on the app if you want your tailored one!

The Ladybug Chronicles: come arredare la casa in stile vintage su Vintag!

Vintag Homeware (1)

IT: Vivo a Milano da quasi sei anni, in un appartamento che ho amato sin dal primo istante e che sento sempre più mio, nonostante non lo sia. E’ normale che con il tempo ci si crei uno spazio che ci somigli il più possibile e, pezzo dopo pezzo, sta prendendo uno stile tra il vintage e l’etnico per cui è sempre più evidente che sia casa mia!

Mi piace sempre molto scovare nuovi pezzi durante i miei viaggi o nei mercatini vintage da portare con me per posizionarli strategicamente in casa in modo che possano portarmi alla mente un ricordo felice del passato. Questa continua decorazione del mio appartamento in pratica non finisce mai e da quando ho scoperto la sezione Antiquariato e Modernariato sull’app Vintag tende ad essere particolarmente intensa!

Mi piace lo stile moderno ma i pezzi di arredamento vintage non possono mancare, anzi nella mia casa ideale (che immagino molto più grande di quella che ho adesso!) ce ne sono almeno dieci che reputo assolutamente imprescindibili! Che si tratti di mobili o oggetti decorativi vi presento i miei top ten e vi dico anche da quali venditori trovarli su Vintag!

1.       Il separé vintage in stile orientale: sarà che mi ricorda tanto la casa della nonna dove ce n’era uno molto simile nella sua camera da letto per togliersi i vestiti e infilarsi pudicamente la camicia da notte prima di andare a dormire, ma il separé è in cima alla mia lista dei desideri. Quando poi ho visto quello anni 70 venduto da roaaaar su Vintag, praticamente identico a quello della nonna me ne sono innamorata perdutamente! Purtroppo quello della nonna si è rovinato con il tempo e non siamo riusciti a “salvarlo” ma trovarne uno uguale è stata comunque una forte emozione!

Vintag Homeware (2)

2.       La sedia etnica: sebbene sogni una di quelle meravigliose sedie in legno basse del Mali che tanto ho visto nei mercatini di Dakar la scorsa estate, su Vintag ho trovato un pezzo bellissimo che voglio condividere con voi: si tratta di questa fantastica sedia bassa indiana in vendita da ManuLove per cui ho perso la testa qualche settimana fa quando l’ho vista apparire nelle mie ricerche…non è stupenda?

Vintag Homeware (3)

3.       La macchina da cucire: un altro pezzo che mi ricorda la nonna! Quando vedo macchine da cucire vintage, soprattutto le classiche Singer, io perdo totalmente la testa anche se non so minimamente usarle! Stavolta quella della nonna è ancora in casa dei miei, in attesa che io abbia abbastanza spazio per poterla mettere in quella mia grande casa ideale! Su Vintag mi sono innamorata di questa classica di Anastasia, quindi che siate sarte o meno, questo pezzo è top (e anche il prezzo!)

Vintag Homeware (4)

4.       Il telefono vintage: niente, passione totale per questo Bobo Telcer rosso venduto da Bogys50s, un must-have! E poi siamo sinceri, chi di noi non ha nel cuore il telefono fisso di casa degli anni 80 di quando eravamo bambini?

Vintag Homeware (5)

5.       Lo specchio: specchio, specchio delle mie brame…ogni donna ha un rapporto speciale con il proprio specchio, per questo deve essere perfetto e deve rispondere perfettamente alle nostre esigenze. Insomma per noi è uno dei pezzi più difficili da acquistare, se non ci rimanda l’immagine che vogliamo vedere riflessa non fa per noi! Quando ho visto questo celeste, francese, dei primi del 900 venduto da ohmylab ho desiderato specchiarmici con tutta me stessa…colpo di fulmine!

Vintag Homeware (6)

6.       La toletta: dal celeste al rosa, un tocco di toni pastello in casa (senza esagerare) mi piace sempre tanto e questa tolettina vintage di Hallofvintage mi ha fatto proprio innamorare: i toni del rosa e del ciclamino, il pomello fiorato, mi hanno ricordato immagini della mia infanzia a cui non ho saputo resistere!

Vintag Homeware (7)

7.       La cappelliera: un pezzo indispensabile, perché oltre a conservare i nostri bellissimi cappelli vintage è un pezzo d’arredamento fantastico e bellissimo da vedere! Io ne ho due, recuperate in due diversi mercatini vintage (uno a Milano, l’altro in America…vi evito i drammi del riportarmelo a casa!), uno in pelle e uno in cartone. Su Vintag mi è piaciuta molto questa versione in pelle marrone di Luisavintage con questa bellissima chiusura a effetto…una meraviglia!

Vintag Homeware (8)

8.       La valigia/baule: anche questo un pezzo che non può mancare perché super comodo per “archiviare” coperte, cuscini e tutto ciò che vogliamo togliere dagli armadi e super bello da vedere! Poi quelli di L’ho_Sgabello sono MERAVIGLIOSI tanto che tra i due non sono stata in grado di scegliere quale mi piacesse di più! Un’idea che mi piace molto è quella di immaginarli come contenitori per le piante grandi da appartamento, credo di averli visti da qualche parte durante i miei viaggi e questa cosa mi è rimasta sempre in mente come un’idea super carina!

9.       La fonovaligia: un salto nel passato che è anche un must per gli amanti del vinile. Pezzo d’arredamento e giradischi allo stesso tempo, dal sapore vintage come pochi altri oggetti, questa di MusicManiac mi ha fatto venire una tenerezza e una malinconia delle fonovaligie che non sapevo nemmeno di avere.

Vintag Homeware (11)

10.   Latta che passione! Scatole, scatoline, portaoggetti, temperamatite, bicchieri…Vintag è pieno di oggetti in latta che scatenano tutti i nostri ricordi del passato: dai biscotti Plasmon a quelli Saiwa, dal Borotalco a marchi ormai dimenticati o spariti, riempire la casa di oggetti in latta è doveroso!

Vintag Homeware (12)

Fuori dalla mia top ten ma troppo bello per non essere citato per chi può permettersi lo spazio necessario: questo bellissimo set di tavolo e sedie color menta di L’ho_Sgabello è a mio avviso una delle cose più belle che ci sia su Vintag al momento, quindi non potevo non segnalarvelo!

Vintag Homeware (13)

EN: I have been living in Milan for six years now, in a flat that I loved at first sight and that I feel more and more as “mine” even if it’s not. It is normal that with the time that place we live in looks like us and, piece after piece, it has now a style in the middle between vintage and ethnic so that it is clear that it is the place where I live!

I love finding new pieces during my travels or in the vintage markets that I visit; I bring them with me and I place them strategically at home so that when I see them they recall me a happy moment of the past. This decoration of my flat is never ending and since I discovered the Antiques section of the Vintag app is definitely intensifying!

I generally prefer the modern style but vintage homeware is a must: in my dream house (that I imagine bigger than mine!)  there are at least ten pieces that I consider essential! They can be furniture or decorative objects, here is my top ten and where to find them on Vintag

1.       The vintage screen, oriental style: it’s maybe because it reminds me of my granny’s house (she had a very similar one to hide while taking off her clothes and put her nightgown on) but the vintage screen is on top of my list! Since I saw the 70s one sold by roaaaar on Vintag, exactly the same of my granny’s, I madly fell in love with it! Unfortunately my granny’s one got too used and we couldn’t “save” it but I almost fainted when I saw one exactly like hers!

Vintag Homeware (2)

2.       The ethnic chair: although I dream of one of these amazing Malian chairs that I saw in many markets in Dakar last summer, I found on Vintag a beautiful piece that I want to share with you: a wonderful Indian chair sold by ManuLove for which I completely lost my mind a few weeks ago when I saw it in my search page…isn’t it amazing?

Vintag Homeware (3)

3.       The sewing machine: another piece that reminds me of my granny! When I see vintage sewing machines, especially the classic model from Singer, I completely lose my mind even if I don’t even know how to use them! This time my granny’s one is still in my parents’ house, waiting that one day I’ll have enough space to place it in my dream house! On Vintag I fell in love with this classic piece from Anastasia, then if you are a sewer or not, this piece is top (and the price too!)

Vintag Homeware (4)

4.       The vintage phone: total love for this red Bobo Telcer sold by Bogys50s, a real must-have! Let’s be honest, who doesn’t have in his/her heart the fixed phone that we had at home in the 80s when we were kids?

Vintag Homeware (5)

5.       The mirror: mirror, mirror…every woman has a special relationship with her mirror, this is why it must be perfect and it must fulfill exactly our expectations. For us it is one of the hardest pieces to buy if it doesn’t reflect the image of us that we want to see. When I saw this one, pale blue, French, from the beginning of the 20th century sold by ohmylab I wished I could look at myself in that mirror…love at first sight!

Vintag Homeware (6)

6.       The vanity table: from pale blue to pale pink, I always like a touch of pastel colors in my house (not too much though) and this small vintage vanity table from Hallofvintage made me fall in love: I love the pink and lilac tones, the flowery knob, they just reminded me the colors of my childhood and I couldn’t resist!

Vintag Homeware (7)

7.       The hatbox: an essential piece not only because we can easily put there our beautiful vintage hats but also because it is an amazing decoration object! I have two, I bought them in two different vintage markets (one in Milan, the other one in the States…don’t ask me how I did to bring it home!), a leather one and a paper one. On Vintag I really loved this brown leather one from Luisavintage with this beautiful fastening…wonderful!

Vintag Homeware (8)

8.       The suitcase/trunk: this is another essential piece because it helps us “archiving” blankets, pillows, and all these things that take so much space in our wardrobe and it is so beautiful to see! Those from L’ho_Sgabello are AMAZING at the point that I couldn’t choose between these two which one I loved most. I also imagine them as huge containers for our big plants in the house, I think I saw something similar during one of my trips and I still keep it as a lovely idea to re-create!

9.       The portable record player: A jump in the past but also a must-have for vinyl lovers. Decoration piece and record player at the same time, few objects have the same vintage flavor! This one from MusicManiac made me feel so nostalgic!

Vintag Homeware (11)

10.   Tin passion: cans, boxes, pencil sharpeners…Vintag is full of tin objects that unchain our best memories from the past: from Plasmon biscuits to Saiwa ones, from Borotalco to other disappeared or forgotten labels. Filling the house with tin objects is mandatory!

Vintag Homeware (12)

There is another piece that I left out of my top ten list just because it requires some space, but I had to recommend it anyway because it was too good to leave it unmentioned. I am talking about this wonderful mint table and chairs set from L’ho_Sgabello that is – in my opinion – one of the most beautiful homeware pieces that you can find on Vintag right now!

Vintag Homeware (13)

The Ladybug apre le porte del suo Vintag shop: un tour virtuale nel mio mondo vintage!

IMG_8961-001

IT: Poco più di un mese fa vi ho raccontato del mio sogno nel cassetto che è diventato realtà grazie a Vintag, la prima mobile app interamente dedicata al vintage per vendere e comprare online, grazie a cui ho finalmente creato quel negozio vintage che desideravo avere sin da quando ero una bambina che giocava con i vestiti della nonna.

Oggi invece voglio farvi entrare virtualmente nel mio negozio Vintag per raccontarvi cosa c’è dentro ed accompagnarvi in mezzo ad ognuno (o quasi!) dei pezzi che potete trovarci dentro perché ognuno di loro ha una storia da raccontare: un viaggio, un ricordo, un pezzo di un mondo lontano nello spazio e nel tempo.  Purtroppo non sempre ho il tempo di raccontarlo quando descrivo i pezzi che vendo, per questo ho deciso di farlo qui per cui mettetevi comodi, il tè e i pasticcini li offro io!

Il mio negozio si chiama TheLadybugChronicles, come il mio blog, un nome a cui tengo molto perché legato a tanti ricordi e perché rende l’idea del racconto: io – l’avrete capito – amo raccontare! In questo caso lo faccio tramite abiti, scarpe, borse, cappelli e altri accessori assolutamente originali (solo in pochi casi si tratta di riproduzioni in stile retrò e comunque lo specifico sempre) acquistati in Italia o in giro per il mondo in mercatini vintage, charity shop, negozi vintage e second-hand, fiere e addirittura qualche pezzo originale della mia infanzia come i maglioni Naf Naf o il cardigan e le felpe Best Company (queste ultime già vendute…chi di voi non le portava negli anni 90?) o giacche acquistate alla Montagnola di Bologna quando ero ancora una studentessa universitaria (doppiamente vintage!).

I miei pezzi quasi sempre raccontano un viaggio: alcuni vengono da Parigi, New York, Londra, Dublino, Francoforte, Lubiana e da tanti altri luoghi in cui ho scoperto un pezzo di vintage da portare con me. Alcuni li ho davvero scovati come si trova una perla in mezzo a tante cianfrusaglie come le scarpe rosse di Bally (un ritrovamento che mi ha quasi emozionato al Salvation Army di New York) o quelle di Escada e di Marc Jacobs (reperite in un negozietto di seconda mano a Francoforte in mezzo a tante scarpe vecchiotte e malandate) o ancora il cerchietto di Pucci (“abbandonato” in un charity shop di New York).

IMG_E5276-001

Ci sono pezzi easy anni 80 acquistati nei vari negozi Humana nel mondo (soprattutto abitini e camicie) o in mercatini e charity shop di tutto il mondo insieme a pezzi rarissimi di designer come gli occhiali trasparenti con gli strass di Yves Saint Laurent (un pezzo unico, anni 80, acquistato alla Fiera del Vintage di Padova) e quelli a gatto di Dior (un pezzo tra i miei preferiti in assoluto, recuperati da un’ottica in chiusura che li aveva in magazzino, così come quelli iconici e introvabili di Silvano Naldoni a farfalla rosa e azzurri) o quelli anni 80 sempre di Dior con il vecchio logo “CD” sulle aste laterali acquistati alla Fiera del Vintage di Forlì in una delle sue primissime edizioni.

IMG_E5279-001

E tanto altro ancora: cappe e pellicce vintage acquistate dalle vecchiette che vendono i loro pezzi davanti alle chiese per beneficenza; cappellini retrò per tutti i gusti e di tutte le forme/epoche provenienti da charity shop londinesi o da mercatini vintage di mezza Europa; pochette anni 80 che collezionavo ogni volta che mi recavo a Londra (praticamente una volta all’anno) dove si possono trovare le borsette vintage più belle in assoluto; abiti acquistati online o recuperati a casa di persone che svuotavano armadi e soffitte; stivali texani originali americani acquistati a New York in ottime condizioni.

IMG_E5282-001

E poi ci sono io, non solo a preparare pacchetti e a imbustare vestiti e scarpe per metterli in viaggio verso le vostre case e i vostri armadi con la gioia di sapere che troveranno presso di voi tanto amore e tanta cura. Ci sono io perché tutti questi pezzi non sono stati comprati per essere venduti, ma li ho comprati per me, perché li ho amati sin dal primo momento e perché li volevo con me. Sono cose che ho scelto per il mio gusto e che per qualche motivo non indosso più perché non mi stanno più bene o perché non c’è più spazio nei miei armadi e in qualche modo devo lasciarle andar via. A volte provo un certo dispiacere quando vendo dei pezzi a cui sono molto legata perché vorrei tenerli ancora: riguardo le foto in cui li indossavo con un po’ di nostalgia, ma sapere che andranno nelle mani di un altro amante del vintage mi rende più tranquilla perché è come consegnare qualcosa di tuo a qualcuno di cui ti fidi perché se ne prenda cura al posto tuo. E’ per questo che sono felice di avere uno spazio in una community come Vintag, perché so che chi acquista un mio ricordo personale lo amerà e ne avrà cura come se fosse un suo ricordo.

Se vi va contattatemi prima di acquistare un pezzo e sarò felice di raccontarvi qualcosa della sua storia, perché possiate anche voi tenerla viva. Sono certa che anche voi, come me, conservate quei piccoli oggetti che spesso si trovano nelle borse vintage (un penny, cento lire, una forcina, uno specchietto, un foglio di carta ingiallita) perché fanno parte della storia dei quell’oggetto. Ecco, allo stesso modo quando acquistate un pezzo da me vorrei lasciarvi un ricordo di cosa quel pezzo ha vissuto mentre era insieme a me.

EN: Last month I told you the story of my childhood dream turning into reality thanks to Vintag, the first mobile app completely dedicated to vintage, to buy and sell online. I finally created the vintage shop that I dreamed of when I was a child playing with my granny’s clothes!

Today I want to let you virtually tour my Vintag shop and to tell you what you can find, the story behind each piece of the shop (well, some of them!) because they all have a story to be told: a trip, a memory, a little piece of a world faraway from here in space and time. Unfortunately I don’t always find the time to tell their story when I sell them, so I decided to do it here. Then take a seat, tea and pastries are offered!

The name of my shop is TheLadybugChronicles, which is also the name of my blog: this name is important to me because it contains a lot of my childhood memories including the idea of chronicling. As you probably understood I love telling stories! In this case I do it through clothes, shoes, bags, hats and other original vintage accessories (rarely through retro style repros and in these cases I always say that the piece is not original vintage) that I bought in Italy or throughout the world in vintage markets, charity shops, vintage and second-hand shops, vintage fairs and even some own original childhood pieces (the Naf Naf jumpers or the Best Company cardigan and sweaters – already sold – that were so incredibly popular in Italy in the 90s or some vintage pieces that I bought at the Montagnola market in Bologna when I was a student at University – double vintage!).

Most of the times the objects that I sell tell a story about traveling: some come from Paris, New York, London, Dublin, Frankfurt, Ljubljana, and many other places in the world where I found a vintage piece that I wanted to bring home with me. Some of them were real pearls found in the middle of junk pieces, like the red Bally shoes (an emotional find in the Salvation Army in New York), or the Escada and Marc Jacobs shoes (found in a second-hand shop in Frankfurt in the middle of old shoes in bad conditions) or the Pucci headband (“abandoned” in a charity shop in New York).

IMG_E5278-001

There are many “easy” 80s pieces bought in as many Humana shops in the world (especially dresses and shirts) or in markets and vintage shops all over the world, along with rare designer pieces such as the Yves Saint Laurent transparent sequined eyeglasses (a very rare piece from the 80s bought at the Vintage Fair in Padua) and the cat-eye Dior sunglasses (one of my favorite pieces ever, found in the warehouse of a frames shop going out of business – same story for the iconic and impossible to find Silvano Naldoni pink and blue butterfly sunglasses) or the 80s Dior eyeglasses with the old “CD” logo on the side that I bought at one of the first editions of the Vintage Fair in Forlì.

IMG_E5277-001

And so much more: vintage capes and fur coats bought from the old ladies selling pieces for a good cause outside the churches; retro hats for every style and era coming from London charity shops or vintage markets from all over Europe; 80s clutches that I used to collect every time that I was in London (basically once a year) where there are the best vintage bags ever; dresses bought online or “rescued” from people emptying closets and attics; original Texan boots bought in New York and in great conditions.

IMG_E5283-001

And then there is me: not only me preparing packages and putting dresses and shoes inside to send them around the world to your houses and wardrobes with the joy of knowing that they will find love and care from you. There is me because all of these pieces were not bought to be sold, I bought them for me, because I loved them at first sight and I wanted them with me. I chose them following my taste and for some reason I don’t use them anymore or there is no more space in my wardrobe to keep them and in some way I have to let them go. Sometimes I feel sad when I sell pieces that have a meaning to me because I want to keep them: I look back nostalgically at pictures where I wore them but knowing that they will be in the hands of another vintage lover makes me feel better; it is like giving something that you care for to someone you trust for him/her to take care of it at your place. This is why I am happy of having my own space in a vintage community such as Vintag, because I know that the person that will buy one of my personal memory will love it and will take care of it as if it was his or hers.

If you like I would be happy if you contact me before buying a piece from my shop, so that I can tell you something about its story for you to keep it alive. I am sure that you, like me, treasure the small objects that we often find in vintage bags (a penny, an hairpin, a small mirror, an old piece of paper) because they are part of the story of the object. Well, in the same way I would love that when you buy from me, I can leave you a memory of that piece when it lived with me.

I consigli vintage di The Ladybug: i miei montoni preferiti su Vintag da comprare subito!

IMG_4447

IT: Se mi avete seguito la scorsa settimana durante il mio weekend in cerca di vintage a Madrid avrete sicuramente notato lui, il mio fedele e inseparabile compagno di viaggio per tutto il weekend: il mio adorato montone vintage. Le temperature previste a Madrid erano bassissime e qualche giorno prima abbondanti fiocchi di neve avevano imbiancato questa bellissima città, per cui non ho avuto dubbi, avrei portato lui: caldo, avvolgente, morbido e assolutamente vintage! “Lui” è entrato nel mio armadio da pochissimo, appena tre settimane fa, quando me ne sono innamorata durante una svendita da I love vintage a Milano. Infatti questo è il momento perfetto dell’anno per accaparrarsene uno a prezzi stracciati visto che la maggior parte dei venditori a fine stagione offre super sconti su cappotti e pellicce! Per questo ho fatto un giro su Vintag per selezionare i pezzi migliori in vendita sull’app per tutti gli stili, per tutti i gusti e per tutte le tasche…molti a prezzi da non perdere!

Fino a qualche giorno fa ne avevo in vendita uno anch’io: un bellissimo montone lungo scamosciato anni 70, acquistato durante il Salone del Vintage a Parigi qualche anno fa, ma in questo momento è già nell’armadio di una simpaticissima vintagista che da ora in poi si occuperà di lui!

In realtà erano anni che cercavo il montone perfetto, un po’ come si cerca l’uomo ideale. Incontrati molti esemplari negli ultimi anni: chiari, scuri, più o meno vintage, lunghi, corti, in perfette condizioni o un po’ usurati, qualcuno mi ha accompagnato per un po’ mentre altri non mi hanno mai convinto ma nessuno prima da lui mi aveva davvero resa felice!

Eppure il montone è un capo imprescindibile per una vintagista: in primis è il capo più caldo in assoluto per ripararsi dal freddo, nessun cappotto o pelliccia riscaldano come un montone e durante gli inverni milanesi vi assicuro che averne uno è una salvezza (soprattutto per una siciliana freddolosa come me!); e poi niente grida “vintage” come un montone anni 70 o 80, con quelle silhouette fuori moda, maniche e spalle oversize (anni 80) o pelliccia sul collo e morbido scamosciato che segna la vita (anni 70); infine per quanto possa sembrare strano è un capo che va davvero con tutto e con ogni stile: il mio consiglio è sempre quello di acquistarlo in colori neutri tipo beige o grigio o al massimo nero in modo da poterlo adattare ad ogni outfit e di provare ad accessoriarlo in maniera diversa, dalle sneakers allo stivaletto col tacco, dal jeans all’abito in lurex o in velluto e scoprirete che il montone non è solo un capo casual. A Madrid mi sono divertita ad abbinarlo con jeans e anfibi sotto e turbanti luccicanti in lurex e maxi cerchi sopra e il risultato è stato molto apprezzato per le vie della città!

La grossa difficoltà nel trovare “quello giusto” per ognuna di noi è quella di riuscire ad identificare la forma che più si addice al nostro corpo e al nostro gusto per evitare il cosiddetto effetto “sacco di patate” se è troppo oversize o troppo lungo, rischiando di farci sembrare irrimediabilmente più basse, grasse e con spalle gigantesche! Per questo il montone è un pezzo difficilissimo e bisogna fare molti tentativi ed avere molta pazienza prima di trovare il nostro “perfect match”!

Non dimentichiamo però altri aspetti positivi di questo capo, come ad esempio il lato eco-friendly: perché comprarne uno nuovo se l’app Vintag pullula di bellissimi pezzi vintage per tutte le tasche?

Ad ogni modo mi sono concessa un giro su Vintag per selezionare per voi i miei pezzi preferiti per tutti i gusti e posso dirvi che ce ne sono di fantastici! Ecco le mie scelte:

  1. Il mio preferito – lo ammetto – è questo pezzo anni 80 color grigio fango di _prelovedvintage (attualmente anche in saldo), oversize ma non troppo, un colore fantastico e un modello classico, forse più adatto alle più alte vista la lunghezza sopra al ginocchio che non è generosa con tutte! Se però volete indossarlo con un paio di stivaletti col tacco allora nessun problema anche se non siete altissime! IMG_E4605
  2. Particolarissimo per la pelliccia a vista è questo pezzo fantastico di giusy268, un po’ più corto, sembra caldissimo e per chi se la sente di osare un po’ di più direi che è il capo perfetto (infatti io lo adoro!)                                                                              IMG_E4609
  3. Rimanendo sui toni del grigio e del nero vi segnalo anche questa chicca anni 80 di Blondiegirl con un disegno tono su tono che mi fa impazzire, così come la forma e la lunghezza appena sotto i fianchi che lo rende accessibile a tutte!  IMG_E4603
  4. Se invece preferite i toni neutri del beige taupe, un pezzo che mi piace tantissimo è questo di Zie Pulci (che conosco personalmente ed è anche una venditrice super gentile e adorabile!) molto classico ma sempre d’effetto!                                                IMG_E4607
  5. Per chi vuole concedersi il lusso del lungo io mi sono innamorata di questo pezzo caldissimo di temporarystore con ricami paisley sulla parte alta e con una forma decisamente super femminile!                                                                 IMG_E4608
  6. Invece per le amanti del montone anni 70 super avvitato e con pelliccia intorno al collo non potevo non segnalare questo di LaTouche, veramente pazzesco, vi confesso che è nei miei Preferiti da un po’!                                            IMG_E4606
  7. Per le amanti del montone/cappa svasatissimo vi segnalo anche questi due bellissimi pezzi molto particolari di Pag (il primo) e di circle (la cappa)!  IMG_E4604IMG_E4601
  8. Infine, un pezzo per i nostri uomini o per quelli che mi leggono…un classico anni 80 in pelle proposto da unconventionalist                                                      IMG_E4711

Fatemi sapere cosa ne pensate, se volete suggerirne altri o se vi sono piaciuti quelli scelti da me e magari ne avete anche acquistato uno con mia grande invidia…perché se è vero che io ho trovato il mio montone ideale è anche vero che uno non è mai abbastanza!

EN: If you followed me last week during my weekend in Madrid you probably noticed “him”, my adored vintage shearling coat that I wore during all the weekend. Temperatures in Madrid were very low and a few days before my arrival it snowed a lot, the reason why I decided to bring it with me: warm, soft and incredibly vintage! It joined my wardrobe just a few weeks ago during a flash sale at I Love Vintage in Milan. Indeed this is the perfect time of the year to get a real bargain as most of the sellers offer super reduced prices at the end of the season on shearling coats and furs. This is why I decided to have a look on Vintag to choose the best shearling coats on sale to fit every style, every body shape and every budget (many are at super bargain prices!).

Until a few days ago I also had one on sale on Vintag: a beautiful long 70s shearling coat that I bought at the Salon du Vintage in Paris a few years ago, but it is now in a vintage lover’s wardrobe who will take care of it from now on!

To be honest I have been looking for the perfect shearling coat for years, as I have been looking for the right man! I met many in the last few years: dark, pale, more or less vintage, long, short, in perfect conditions or a bit used, some of them stayed with me for a while, others never convinced me but none of them made me happy as it does!

The shearling coat is a “must have” for a vintage lover: it is the warmest coat ever as no other coat or fur can be this warm during winter times (believe me, it saved me during many Milanese winter days…and don’t forget I am Sicilian!); also nothing is more vintage than a 70s or 80s shearling coat with these old fashioned shapes, oversize shoulders and sleeves (80s) or with furred collars and fitted shapes (70s); moreover, for how strange it may seem it really goes with everything and it suits every style: in my opinion it is better to buy it in a neutral color (beige, camel, grey or black) in order to pair it almost with everything then you can have fun trying to accessorize it in different ways, from the sneakers to the heeled ankle boots, from denim to shiny or velvet dresses, you will find out that shearling coat is not only a casual piece. In Madrid I had fun pairing it with jeans and biker boots and with shiny turbans and maxi loop earrings and the results was pretty much appreciated in the streets!

The hardest part is to find the “right one” for each of us and to identify the shape that suits us better, just to avoid the “sack effect” if it is too oversize or too long with the risk of looking shorter, fatter at with big shoulders. This is the reason why the shearling coat is a very difficult piece and you need to try patiently many times before finding the perfect match!

Anyway you shouldn’t forget other positive aspects of this piece, for example it is eco-friendly when vintage so: why buying a new one if the app Vintag is full of amazing pieces for every budget?

Anyway I decided to surf the Vintag app to find for you fìmy favorite ones for every style and I can tell you that I found many great coats. Here are my favorite ones (see pictures above):

  1. Honestly my favorite one, an 80s grey coat from _prelovedvintage (currently reduced), oversize but not too much, a great color and a classic shape, maybe it suits better the tallest ones as it is knee-length which is not flattering for everyone; but you can still wear it with heeled ankle boots if you are not too tall!
  2. Very rare with extra fur, I love this coat from giusy268, a bit shorter, it looks so warm and comfy, it is perfect for those who want to dare (this is maybe the reason why I adore it!)
  3. A special one from the 80s in black proposed by Blondiegirl with a tone-on-tone pattern that I adore, as well as I adore the shape and the hips-length that makes it wearable for almost everyone!
  4. If you prefer neutral tones, here is a beige taupe one that I like a lot from Zie Pulci (I know her personally and she is also a very kind and adorable seller): a classic with a great effect!
  5. For those who want it long, I fell in love with this warm piece from temporarystore with paisley embroidery on top and a very feminine shape!
  6. For the 70s lovers a super fitted piece with fur collar from LaTouche, a real pearl, it has been in my Wishlist for a while now!
  7. For the cape lovers I found these two beautiful pieces from Pag (the first one) and circle (the cape)!
  8. Last but not least a piece for our men or for the men reading this: a classic 80s leather shearling coat proposed by unconventionalist.

Let me know what you think, if you want to suggest more or if you liked my choices, maybe you also bought one of them, for which I am pretty jealous because if it is true that I found my perfect shearling coat, it is also true that one is never enough!

The Ladybug e un sogno che diventa realtà: finalmente il mio negozio “Vintag”!

The Ladybug Chronicles Vintag (2)

IT: Quando da bambina mi chiedevano cosa volessi fare da grande la mia risposta era sempre la stessa: voglio vendere i vestiti della nonna. All’epoca tutti ridevano perché conoscevano bene il mio amore per l’armadio della nonna, quello vero: infilarmi tra quei vestiti e borsette, gioielli e scarpe era la mia più grande delizia. Non vedevo l’ora di crescere per poterli indossare anch’io! Ma non ne volevo dei nuovi, volevo proprio quelli della nonna! E con quelli giocavo alla negoziante, facendo finta di vendere quei pezzi a mia sorella che invece giocava il ruolo della cliente di questo personalissimo negozio!

Da adolescente poi l’espressione “vendere i vestiti della nonna” è diventata “avere un negozio di second hand”. La mia visione si era evoluta soprattutto durante i miei primi viaggi a Londra e a Parigi dove avevo scoperto che i vestiti dell’armadio della nonna si vendevano in piccoli negozi e banchi nei mercatini dell’antiquariato che chiamavano second hand a Londra o friperies a Parigi.

Quando iniziai l’università, nonostante studiassi per diventare traduttrice, il mio sogno nel cassetto prese un nuovo nome, che sentii forse per la prima volta al mercato della Montagnola a Bologna: volevo “avere un negozio di vintage” in cui vendere proprio quei pezzi con il profumo di passato che pullulavano tra i banchi della Montagnola! Nel frattempo mi sono laureata e ho iniziato a lavorare ma quel sogno è rimasto sempre lì. D’altronde ancora oggi vesto vintage, scrivo di vintage e da qualche settimana ho anche un piccolo negozio di vintage!

Ebbene sì, piano piano quel sogno che mi porto dietro da più di 20 anni inizia a diventare realtà grazie a una semplice ma geniale mobile app: Vintag (si può scaricare qui). Qualche mese fa, ho scoperto quest’app su Instagram e incuriosita ho deciso di scaricarla. Era un periodo abbastanza frenetico al lavoro e non avevo avuto il tempo di approfondire fino alle vacanze di Natale, quando ho capito che in quell’app c’era tutto quello che avevo sempre sognato: un mondo pieno di “roba della nonna” a portata di clic! Vintage, modernariato, antiquariato, collezionismo e icone da venditori provenienti da tutta Italia, insomma un piccolo paradiso per tutti gli appassionati del genere. Non mi sembrava vero! Ed era solo l’inizio. Ne ho parlato nella mia rubrica mensile sul blog di Opherty & Ciocci come la nuova frontiera dello shopping vintage online: tutto il vintage d’Italia in una semplice app! Non solo negozi di antiquariato, abbigliamento vintage e collezionisti ma anche tanti privati che vogliono vendere e comprare comodamente dal divano di casa, in metropolitana o durante la pausa pranzo in ufficio…non è fantastico?

Vintag1

Ho deciso di iniziare ad usarla e l’ho trovata incredibilmente veloce, pratica e user friendly: ci vuole meno di un minuto per pubblicare un’inserzione, il tutto in modo assolutamente semplice e intuitivo.

Inoltre ho scoperto che Vintag è anche una grande community per tutti gli appassionati del settore, per chi vende, per chi compra, per chi è follemente innamorato del vintage, per chi è alle prime armi e per chi è solo curioso, per chi ha ancora nel cuore l’armadio della nonna. La pagina Facebook e il profilo Instagram sono ricchissimi di contenuti interessanti e sono in enorme crescita. D’altronde Vintag aspira a diventare la più grande comunità vintage italiana e a breve si arricchirà anche di contenuti in inglese.

Come se non bastasse ho anche scoperto un servizio fantastico (di cui mi avvarrò anch’io a breve) di “consulenza vintage” raggiungibile via mail (consulenze@vintag.store) o tramite la community di Vintag su Facebook. In altre parole se avete dubbi sull’autenticità di un oggetto, sul periodo di appartenenza o sul suo valore di mercato basta contattare Vintag per avere un parere da un team di esperti del settore. Non so a voi ma a me capita spesso di trovare dei pezzi che non so datare o dei possibili fake per i quali devo sempre aspettare di trovare un esperto per farli valutare (anche perché l’autovalutazione con supporto online non è proprio affidabilissima!).

Tutto questo per dirvi che TheLadybugChronicles è oggi un piccolo negozietto online su Vintag! Ci sono alcuni pezzi vintage provenienti dal mio guardaroba (non da quello della nonna però!) e alcuni pezzi scovati durante i miei viaggi nei mercatini vintage di tutto il mondo. Se vi va di dare un’occhiata al mio primo negozio vintage online (sono emozionata solo a scriverle queste parole!) basta cercare TheLadybugChronicles sull’app!

Voglio sapere cosa ne pensate del mio negozietto, dell’app Vintag, della community social…sono curiosissima di sentire il vostro parere!

The Ladybug Chronicles Vintag (1)

EN: When I was a kid people used to ask me what I wanted to do when I grew up and my answer was always the same: I want to sell granny’s clothes. At the time people laughed about it because they all knew about my love for my granny’s wardrobe, the real one: my biggest joy was slipping into it, among those beautiful dresses, bags, jewels and shoes. I couldn’t wait to grow up and wear them too! But I didn’t want new clothes, I just wanted hers! With those clothes I used to play “the shop” with my sister: I sold her the beautiful pieces and she was my favorite customer!

When I was a teenager, “selling my granny’s clothes” became “have a second-hand shop”. My vision evolved especially during my very first trips to London and Paris where I realized that the same clothes of my granny’s wardrobe were sold in small shops or on antiques’ markets stalls and they were called second hand in London and friperies in Paris.

When I started university, although I was studying to become a translator, my childhood dream changed name again. Probably I heard that name for the first time at the Montagnola market in Bologna: I wanted to “have a vintage shop” where I could sell all those pieces smelling the past that I used to see in that market’s stalls. In the meanwhile I graduated and I started working but that dream is still there. After all I still dress vintage, I write about vintage and since a few weeks ago I also have a small vintage shop!

Oh yes! That 20-year old dream is slowly turning into reality thanks to a very simple but genius mobile app: Vintag (you can download here). A few months ago I discovered the app on Instagram: I was very curious and I decided to download it. It was such an hectic moment at work so I didn’t have enough time to study it until the Christmas holidays when I realized that in that app there was everything I have been dreaming of: a world full of “granny’s stuff” just a click away! Vintage, antiques, collectibles coming from Italian sellers, a real paradise for vintage lovers. I couldn’t believe it! And it was just the beginning. I mentioned it on my monthly column on Opherty & Ciocci blog as the new era of online vintage shopping: all the Italian vintage in one app! Not only antiques’ shops, vintage clothing and collectors but also many private sellers who want to buy and sell from the sofa, on the subway or during their lunch break…isn’t that great?

Vintag3

I decided to start using it and I found it incredibly quick, practical and user friendly: it takes less than a minute to publish an ad in a very simple and intuitive way.

I also found out that Vintag is a huge community for all the vintage lovers, for the sellers and buyers, for those who are deeply in love with vintage, for the beginners, for the curious, for those who have their granny’s wardrobe still in their heart. Their Facebook page and their Instagram profile are full of interesting contents and they are growing fast. After all Vintag wants to be the biggest Italian vintage community and it will add soon also contents in English.

As if this was not enough I also found out a fantastic service (that I will use soon) of “vintage consulting” that you can activate via email (consulenze@vintag.store) or via the Vintag Facebook community: if you have doubts about the authenticity of an object, about the era or the market value you can contact Vintag to receive an opinion from a team of vintage experts. It often happens to me to find objects that I am not able to date or possible fake for which I always need to wait for an expert opinion (also because I don’t trust self-evaluation with online support that much!).

So in the end TheLadybugChronicles is now a small online vintage shop on Vintag! Some pieces come from my wardrobe (not from my granny’s one though!) and some come from my travel experiences in vintage markets from all over the world. If you want to have a look at my first online vintage shop (I feel excited when I’m writing these words!) you can look for TheLadybugChronicles in the app.

I want to know what you think about my little shop, the Vintag app and the social community…I am very curious to know your opinion!